Tutto quello che avreste sempre voluto sapere sui tirocini in startup a Berlino e che non avete mai osato chiedere (puntata 2)

(Un post che avevo dimenticato tra le bozze. Perdonate il momento D’Addio: se ve la siete persa trovate la prima puntata qui. Non è neanche troppo rilevante, ma leggetevela se avete tempo. Baci baci!)

Il mondo delle start up berlinesi è vasto e variegato. Ora, io non posso certo permettermi di dichiararmi un’esperta, e parlare con cognizione di causa delle singole situazioni. Senza vestire i panni di Manzoni narratore onniscente, posso tracciare però a linee generali un profilo comune a diverse aziende. Mi baso su quello che ho visto, e su quello che ho sentito dire. E pari funzioni più o meno così

La start-up è una repubblica fondata sullo stage (=manovalanza a basso costo)

Sei un giovane imprenditore, hai in mente un bel progetto, vuoi farlo fruttare

a) Cerchi di formare gente competente, che trascini l’azienda sulla via della grandezza

b) Ti circondi dei tuoi amici più cari, cui regali stipendi da paura, e vai avanti a stagisti/dipendenti a contratto non troppo pagati, che dopo un tot ovviamente cambieranno, stufi del trattamento.

So che volete rispondermi, ma il vostro parere è inutile ai fini di questo post, perché la start up sceglie la b. Si ma che senso ha formare qualcuno e poi mandarlo via? Non ci è dato saperlo. Si, ma i soldi ce li hai, ma assumere qualcun altro? No. Sì, ma qualcuno potrebbe fare carriera. No! Io appoggio Elsa, e mi schiero contro i contratti a tempo indeterminato a tutti i costi. Ma insomma, avere qualche assunto in più non è certo una vergogna.  E avere qualche assunto in più che merita di stare dove sta sarebbe auspicabile (vedi punto 2)


Network o morte

L’azienda media, a Berlino, ha un buon 60 per cento di schiavi tirocinanti, e un trenta per cento di individui vincolati alle sorti della compagnia per un tempo più o meno lungo. Tra costoro si trova gente che quel contratto se lo è sudato, che lavora con cognizione di causa, e che con altissime probabilità, scapperà esaurita dopo qualche anno di inferno.

Accanto a loro, ci sono gli amici. Li vedrete arrivare con voi, sembrano stagisti come tanti altri. Ma a volte, senza esagerare, basta vedere una partita di Champions League con il capo per ritrovarsi a capo di un dipartimento. A vent’anni scarsi. Vedrete gli amanti. Non sono film, esistono davvero, e nelle realtà piccole, sfileranno davanti ai vostri occhi. Sì, anche fuori dall’Italia, anche a migliaia di chilometri da Arcore. Magari sarete fortunati e non vi accadrà. Io ve lo auguro, perché è avvilente.

Volemose bbene

Per fare l’azienda ggiovane, bisogna fare cose da ggiovani. Cosa piace fare ai ggiovani? Bere Le feste! Non importa se l’azienda è sull’orlo della bancarotta. Prendi in affitto un posto gigante, offri da bere e fai un party. Suvvia! Dopo 3 settimane licenzierai in tronco altri 20 dipendenti, ma almeno li avrai fatti divertire, no?

C’hai i soldi? Fanne 2 di party, offri le birre in ufficio, porta cibo. Gli interns si devono incontrare, il clima deve essere positivo. Te ne vai? Porta i dolci. È il tuo compleanno? Porta i dolci. Sì, ma io quello li odio, non ci parlo. Fa niente, sorridi. E mangia i dolci.

Liberté, Egalité, Fraternité?

Ciao mamma, ciao papà, vado a fare un tirocinio in una start up a Berlino così imparo il tedesco. Ma bitte! Lo sappiamo tutti che nelle start up si parla inglese. E se ci sono i tuoi connazionali, non si parla neanche quello. Cominciamo tutti amici  e dopo 3 mesi pausa pranzo rigidamente divisa per gruppi linguistici, a commentare notizie di politica nazionale. Un po’ come quando vai a fare la vacanza studio in Inghilterra, e torni sfoggiando uno splendido accento siciliano. Va così, rassegniamoci. E sopportiamo con onore.

(Piccola nota a lato: ovunque andrai,  incontrerai senza alcun dubbio dei francesi. E sì, saranno sempre incredibilmente giovani. Volevo cogliere l’occasione per lanciare un appello all’Eliseo. François, se mi leggi, me lo fai un piacere? Potreste tenere i vostri bimbi a scuola per un anno in più, come fanno tutti i Paesi civili? Saremmo anche stufi di sentirci vecchi di fronte a ventunenni che fanno il master. Cordialità, il resto d’Europa)

P. S. La state aspettando, lo so! Arriva anche la terza puntata!

Annunci

Un pensiero su “Tutto quello che avreste sempre voluto sapere sui tirocini in startup a Berlino e che non avete mai osato chiedere (puntata 2)

  1. Pingback: Se telefonando | Inchiostro Simpatico

Have your say =)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...